Pd “L’assessore Lippis si dimetta e lo faccia subito”

Politica
San Salvo mercoledì 11 settembre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Attimi di paura, cade palo della luce sul lungomare di San Salvo
Attimi di paura, cade palo della luce sul lungomare di San Salvo © Sansalvoweb

SAN SALVO. A pochi giorni dall'incidente che ha visto cadere un palo della pubblica illuminazione sul lungomare di San Salvo, giunge la richiesta di dimissioni dell'assessore Lippis da parte del Partito Democratico:

"Bisognava aspettare che accadesse l’inevitabile per far sì che l’amministrazione comunale di centrodestra si attivasse e procedesse ad una ricognizione dei pali della pubblica illuminazione a San Salvo Marina. Che gli stessi siano pericolanti e logori da tempo a causa dalla assente manutenzione avvenuta in questi anni, è noto e risaputo.

Apprezziamo certamente l’impegno dell’amministrazione comunale di aver proceduto alla rimozione di alcuni di essi con l’auspicio ora che la loro sostituzione avvenga in tempi ragionevolmente brevi visto che l’intera zona è al buio.

Ma quanto avvenuto è però anche l’ennesima dimostrazione che siamo di fronte ad un’amministrazione comunale che si attiva ed opera solo su segnalazioni altrui e/o in presenza di fatti e accadimenti gravi come quello accaduto domenica pomeriggio sul lungomare.

Invitiamo ora pertanto l’amministrazione comunale a procedere alla ricognizione dei restanti pali della pubblica illuminazione siti a San Salvo Marina. La maggior parte di essi, per non dire tutti, versano in condizioni fatiscenti che potrebbero trasformarsi in una vera e propria tragedia come quella sfiorata domenica pomeriggio.

L'assente manutenzione della città è fatto che denunciamo da tempo. Che la città stia cadendo a pezzi per colpa di un'amministrazione incapace di governarla altrettanto. Il palo della luce caduto ne è l’ennesima dimostrazione.

Ribadiamo dunque e nuovamente quanto sosteniamo da tempo: la totale incapacità di amministrare dell’assessore alla Manutenzione Giancarlo Lippis.

Ne chiediamo pertanto e nuovamente le sue dimissioni o la revoca da parte del Sindaco Magnacca della delega a lui affidatagli.

La città non può più permettersi un assessore incapace di prendersi cura della città e dei suoi cittadini".