Castaldi: "La Betafence ha produttività eccellente, non può chiudere"

"I 155 licenziamenti dei lavoratori dello stabilimento di Tortoreto vanno evitati in ogni modo"

Lavoro ed economia
venerdì 31 luglio 2020
di La Redazione
Gianluca Castaldi
Gianluca Castaldi © Gianluca Castaldi

ABRUZZO. "Non accetterò mai che l'Italia sia un Paese in cui si possono licenziare 155 lavoratori, senza alcun preavviso, con tre slide di una presentazione in PowerPoint. I 155 licenziamenti dei lavoratori dello stabilimento Betafence di Tortoreto vanno evitati in ogni modo. Non può chiudere così una fabbrica che funziona benissimo da decenni, che registra appena un 3% di assenteismo e che vanta livelli di produttività eccellenti.

Come esponente del Governo, voglio assicurare da subito il mio impegno e la mia disponibilità per superare questa crisi, che sarà sicuramente esaminata con la massima attenzione dal Mise. Il MoVimento 5 Stelle ha da sempre lottato contro le delocalizzazioni, non appena arrivati al Governo abbiamo subito varato norme per ostacolarla. Nonostante gli evidenti effetti negativi della pandemia di Coronavirus sulla nostra economia, la Betafence di Tortoreto non presenta dati oggettivi che possano giustificare una situazione tanto drammatica: non possiamo consentire che il Covid venga usato come scusa per una strategia legata in realtà a logiche di dumping fiscale, con scelte ciniche che mirano a conseguire profitti immediati, senza curarsi delle conseguenze devastanti per i nostri territori.

Lo stupore e la rabbia degli operai sono comprensibili e condivisibili, sarà percorsa ogni via possibile per tutelare i livelli occupazionali della Betafence."

Gianluca Castaldi, sottosegretario per i Rapporti con il Parlamento