Cerella, in 60 a rischio stipendio e tredicesima: «La Regione si è impegnata a deliberare»

Pollutri: « E' stato preso un impegno, ora attendiamo. Non conosciamo l'entità delle somme che saranno stanziate, la delibera dovrebbe essere fatta martedì»

Lavoro ed economia
San Salvo sabato 08 dicembre 2018
di Federico Cosenza
Più informazioni su
Autobus Cerella
Autobus Cerella © Cerella

VASTO. Per ora è solo una speranza quella emersa dall'incontro di ieri in cui la Regione ha assunto l'impegno di deliberare delle somme da destinare ai 60 lavoratori Cerella che rischiano di restare senza stipendio e senza tredicesima a meno di 20 giorni dal Natale. A Pescara nella sede della Giunta c'erano il vicepresidente Giovanni Lolli, il consigliere con delega ai trasporti Maurizio Di Nicola, Tullio Tonelli e tutta la Tua S.p.a., i soci privati di Cerella, i funzionari della Regione ed il presidente di Cerella Angelo Pollutri.

Proprio quest'ultimo si è espresso così: "Quella di ieri è stata una riunione pacata all'inizio, poi i toni si sono accesi per via della drammaticità degli argomenti. La Regione ha assunto l'impegno di deliberare delle somme senza specificare a quanto ammonteranno. La delibera dovrebbe essere fatta martedì. Attendiamo, ma se non vedo atti scritti non sono tranquillo".

Dunque per ora non c'è nulla di certo ed i 60 lavoratori corrono seriamente il rischio di dire addio allo stipendio ed alla tredicesima in questo mese. Bisogna infatti capire prima se saranno effettivamente stanziate le somme promesse e poi a quanto ammonteranno. Si prospetta dunque un Natale amaro per loro e per le loro famiglie se la Regione non metterà nero su bianco quanto affermato in sede di riunione.

Intanto i sindacati hanno preannunciato l'immediato stato di agitazione del personale e l'attivazione della procedura di raffreddamento prevista dalla legge per eventuali azioni di sciopero nei servizi pubblici essenziali, ed hanno comunicato che lunedì 10 dicembre alle ore 10.00, presso la Cgil di Pescara in via Benedetto Croce (2° piano), si terrà un'apposita conferenza stampa nella quale verranno dettagliate le cause di questo triste epilogo.