Incontro con il principe azzurro dell’adriatico di Abruzzo, Molise e Puglia

Flash News
martedì 28 luglio 2020
di La Redazione
Incontro con il principe azzurro dell’adriatico di Abruzzo, Molise e Puglia
Incontro con il principe azzurro dell’adriatico di Abruzzo, Molise e Puglia © Termolionline.it

TERMOLI. Incontro con il principe azzurro dell’adriatico di Abruzzo, Molise e Puglia. In programma alle 17 a Martinsicuro, presso Cipria di Mare, sul Lungomare Europa. Da un progetto che già anni addietro fu sposato dal Governo Renzi e mai abbandonato, il Pesce Azzurro si proponeva come “il pesce per antonomasia“ riferito alla Dieta Mediterranea. Un progetto ambizioso che vedeva coinvolte le realtà Adriatiche, dalla Puglia alle Marche. Grazie all’OP Abruzzo Pesca Soc. Coop, in Abruzzo viene presentato il Marchio di Qualità Collettivo “ Il Principe Azzurro dell’Adriatico“. Una testimonianza di qualità e riconducibilità della produzione sostenibile riconducibile al distretto di pesca del Medio Adriatico. Progetto Finanziato Piano di Produzione e Commercializzazione 2018 Misura 5.66 Reg.(UE) n.508/2014 - Reg (UE) 1379/2013 art.28 Reg.(UE) 1418/2013, FEAMP 2014-20, MIPAAF D.G. Pesca PEMAC, PEMAC 2

Le quote europee e la concorrenza senza limiti da parte di spregiudicate associazioni di pescatori esterne all’ambiente marino Italiano, concorrono ad una moria di imprese ed ad un notevole abbandono dell’attività di pesca con conseguente diminuzione delle flotte di pescherecci.

All’uopo, onde permettere una più omogenea organizzazione, una responsabile azione da parte del Governo per tutela ed incentivo a fidelizzare il consumatore offrendo egli un prodotto rispondente alle richieste di un nuovo mercato basato su qualità, tracciabilità, sostenibilità e territorialità, unitamente alla trasformazione in loco del prodotto, basandosi in incubatoi dal disciplinare unico, si è pensati di ampliare il bacino di pesca e di riconducibilità del marchio stesso coinvolgendo altre realtà , politiche ed imprenditoriali. «La trasformazione e commercializzazione del pescato, richiede organizzazione e programmazione a lungo termine per garantirsi competitività nei circuiti commerciali. Certo è che un ambizioso percorso attenderà l’ Op Abruzzo Pesca del distretto Medio Adriatico, con la speranza che questa iniziativa possa essere madre di una politica di valorizzazione del pescato locale necessaria per la salvaguardia di economie settoriali sempre più minacciate da fattori esteri>> le parole diVincenzo Crescenzidella Op Abruzzo Pesca. C’è da crederci e, per questo motivo a partire dalle ore 17 presso il Ristorante sul lungomare Europa “Cipria di Mare“, si terrà l’incontro “ Zero “ per favorire tale consapevolezza, sia alla politica, sia all’imprenditoria, sia ai cittadini tutti.

Una partnership che vede impegnati, oltre l’Op Abruzzo Pesca, la Partners in Service srl CEA – Ambiente e Mare, il Parco del Gargano, Associazioni quali Borghi d’Eccellenza, La Casa dei Diritti fautrice grazie all’On.le Laura Venittelli, di progetti di Fiume, Lago e Costieri, Ristoratori ed operatori del settore quali Hotel Corona, Cipria di Mare, Cantine Spinozzi, destinata ad ampliarsi alle Regioni e Comuni Costieri.

Il progetto prevede anche educazione ambientale e comunicazione.

Relatori dell’incontro saranno :

Il sindaco di Martinsicuro, Massimo Vagnoni; Laura Venittelli; Giorgio Lo Vecchio, commissioni Agricoltura e Bilancio alla Camera; Pasquale Pazienza, presidente del Parco del Gargano ; Costanzo Cascavilla già sindaco di San Giovanni Rotondo, responsabile e coordinatore progetti Europei; Vincenzo Crescenzi per l’Op Abruzzo Pesca; Barbara Zambuchini, Partners in Service srl Cea–Ambiente e Mare. Il tavolo verrà coordinato da Maurizio Varriano de i “Borghi d’Eccellenza“. La giornata vedrà promuovere il pesce azzurro e, chi meglio di quattro chef accreditati nella Nazione Nicola Vizzarri, Alessandro De Antoniis, Simone Conte e Michele Palcentino, rappresenteranno le regioni coinvolte quali Abruzzo, Molise, Puglia, preparando dei piatti che andranno a riempire il paniere delle tipicità da offrire ai fruitori in seno ad un’offerta che non vuol fermarsi al semplice dettato del pesce azzurro.

La giornata vedrà impegnato anche il cantautore internazionale Lino Rufo per una commistione logica tra sapori e suoni. La partecipazione sarà libera ma, nel pieno rispetto delle norme dettate dall’emergenza Covid.