Le giornate del FAI, per conoscere ed amare il patrimonio artistico e culturale di San Salvo

Sabato e domenica 24 marzo dalle ore 9.30 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.30, l'ingresso è gratuito

Cultura
San Salvo domenica 17 marzo 2019
di Antonia Schiavarelli
Più informazioni su
Chiesa di San Giuseppe San Salvo
Chiesa di San Giuseppe San Salvo © Antonia Schiavarelli

SAN SALVO. Ogni anno, dal 1993, il primo weekend di Primavera i volontari del FAI organizzano una manifestazione nazionale dedicata alla riscoperta del patrimonio storico, artistico e culturale del nostro Paese.

Una grande festa dei Beni Culturali aperta a tutti e alla quale in 26 anni di storia hanno partecipato più di 10 milioni di Italiani che hanno avuto l'opportunità di visitare oltre 12.000 luoghi solitamente chiusi al pubblico in più di 5.000 città di tutta Italia.

Le Giornate FAI di Primavera, sono un'occasione straordinaria per fruire come visitatori del nostro patrimonio artistico e culturale ponendo su di essi una maggiore attenzione affinché possano essere tutelati e valorizzati.

Quest'anno la delegazione FAI di Vasto, che copre tutto il territorio del Vastese, porrà una maggiore attenzione sulla città di San Salvo, i luoghi che potranno essere visitati nelle giornate del 23 e il 24 marzo saranno: il Museo ipogeo "Porta della Terra"; l'Isola archeologica del mosaico romano; l'Acquedotto romano ipogeo, il pozzo pentagonale; il Palazzo de Vito "casa mura"; la Chiesa di San Giuseppe; La Giostra della Memoria; il Giardino Botanico Mediterraneo; le Terme Romane di Vasto; il Centro storico di Vasto.

I ciceroni per queste visite guidate saranno i giovani. Sono stati coinvolti e formati per l'occasione per San Salvo gli studenti dell'Istituto Superiore Mattioli di San Salvo, che ha da sempre un occhio molto attento ai beni culturali, e per quanto riguarda il Giardino Biologico Mediterraneo gli studenti della classi seconde della Salvo D'Acquisto. Per quanto riguarda le Terme Romane ed il Centro Storico vastese, saranno gli studenti dell'Istituto superiore Mattioli, quelli del Pantini Pudente e del Palizzi a far da ciceroni, con i giovanissimi studenti delle scuole medie Rossetti.

I luoghi saranno tutti visitabili dalle ore 9.30 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.30, gli ingressi saranno tutti gratuiti.

Sarà un modo per conoscere ed approfondire la conoscenza di luoghi a noi cari, non solo per la nostra storia, ma per il nostro vissuto quotidiano. Apprendere le origini della nostra città, ferma le nostre radici di singoli e comunità. Una grande occasione quella offerta dal FAI e dai giovani della nostra città.