Esche avvelenate a Monteodorisio: morti 2 cani, 3 salvati

Atti di inciviltà su cui è doveroso riflettere…

Cronaca
San Salvo mercoledì 15 gennaio 2020
di Antonella D'Agostino
Più informazioni su
Esche avvelenate a Monteodorisio: morti 2 cani, 3 salvati
Esche avvelenate a Monteodorisio: morti 2 cani, 3 salvati © Vastoweb

MONTEODORISIO. Sabato 11 gennaio, a Monteodorisio, si è verificato un episodio di indiscussa immoralità che lascia in tanti perplessi e amareggiati. Sono state gettate per le strade del paese delle polpette avvelenate che hanno causato una vera e propria strage.

Due cani sono deceduti dopo l'ingerimento delle suddette esche, altri due sono stati immediatamente condotti in clinica dai rispettivi proprietari e infine un altro cagnolino risulta ricoverato a Lanciano dove si sta provvedendo con le cure atte a salvargli la vita.

Di fronte a simili barbarie si rimane stupiti per la crudeltà con cui alcuni uomini trattano altri esseri viventi, anime innocenti che pagano lo scotto per essere visti come un disturbo e un peso da eliminare il prima possibile. Il randagismo non si combatte sterminando gli animali che hanno avuto la sfortuna di non essere adottati da famiglie di buon cuore. Non sono questi i mezzi per risolvere una problematica, inoltre, bisognerebbe ricordare che attualmente è in vigore una legge che punisce coloro che si macchiano di crimini come il maltrattamento o l’uccisione di animali.

Ci piacerebbe concludere questa spiacevole notizia con una citazione da cui dovrebbe scaturire una lunga e giusta riflessione: “La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali” (M. Gandhi).