Prosciutto e latte di provenienza estera spacciati per italiani in scuole abruzzesi

Il Nas di Pescara ha deferito il titolare di una azienda

Cronaca
San Salvo mercoledì 13 febbraio 2019
di La Redazione
Bambini a mensa
Bambini a mensa © borgo dei bambini

ABRUZZO. Il NAS di Pescara ha effettuato degli accertamenti sul capitolato d’appalto di una cucina centralizzata comunale per le scuole statali. Al termine delle indagini, i Carabinieri hanno deferito il titolare di una ditta all’Autorità Giudiziaria, in quanto la sua azienda aveva fornito e somministrato agli alunni di alcune scuole abruzzesi alimenti diversi, per origine, qualità e provenienza, rispetto a quelli stabiliti nel capitolato di appalto.

Nel particolare, gli uomini del NAS hanno rilevato che la ditta, a fronte delle forniture pattuite di prosciutto crudo di parma (d.o.p.) o prosciutto san daniele (d.o.p.) e latte parzialmente scremato u.h.t. a lunga conservazione di origine italiana,di fatto utilizzava prosciutto crudo e latte u.h.t. di origine UE.