Assalto al centro Insieme, auto rubate a San Salvo e Fossacesia: l'allarme non è scattato

I veicoli sono stati sequestrati così come gli arnesi da scasso rinvenuti sulla scena del crimine

Cronaca
San Salvo mercoledì 05 dicembre 2018
di Federico Cosenza
Più informazioni su
Assalto al centro Insieme, auto rubate a San Salvo e Fossacesia: l'allarme non è scattato
Assalto al centro Insieme, auto rubate a San Salvo e Fossacesia: l'allarme non è scattato © Vastoweb

SAN SALVO. Sono in corso le indagini per ricostruire quanto accaduto la scorsa notte presso il centro commerciale Insieme di San Salvo, dove un assalto è stato compiuto ai danni di un bancomat della Banca di Credito Cooperativo della Valle del Trigno (LEGGI). Attraverso l'utilizzo di due vetture la banda ha sradicato e trascinato via il bancomat dopo averlo legato con delle catene ai veicoli. Si tratta di due suv: un Land Rover Defender, rubato in data 1 dicembre a Fossacesia, e di una Chevrolet Captiva rubata a San Salvo e di proprietà di un commerciante. I veicoli, rinvenuti nelle vicine campagne, sono stati sequestrati così come gli arnesi da scasso rinvenuti sulla scena del crimine.

Il bancomat una volta trascinato è stato svuotato frettolosamente con i ladri che si sono volatizzati utilizzando una terza macchina e con probabilmente anche un ulteriore complice a bordo. Ad agire nel raid sono stati in tre, questo è quanto appare dalle immagini delle videocamere di sorveglianza che sono state acquisite dagli uomini dell'Arma. Tutti erano a volto coperto e sapevano perfettamente come muoversi. Un piano studiato nei minimi dettagli e che fa pensare ad una banda organizzata e non a degli sprovveduti. Sulla loro provenienza per ora solo supposizioni e nessuno indizio certo. Sul posto è intervenuta anche la Scientifica con l'auspico di reperire dettagli utili per indirizzare le ricerche.

Per quanto riguarda il bottino è difficile da quantificare, ma sicuramente ingente. Ai soldi presenti nel bancomat, vanno sommati quelli dei depositi della cassa continua. La cifra dunque potrebbe tranquillamente superare i 10 mila euro.

Il colpo è stato messo a segno intorno alle 4.30 del mattino, la vigilanza si è accorta di quanto accaduto solo nel giro di apertura che è solitamente fissato per le 6.30. I ladri hanno avuto dunque più di due ore per far perdere le proprie tracce. Nessuno ha sentito e visto niente in zona, ma c'è un mistero, ovvero coma mai l'allarme non è scattato. E' proprio su questo dettaglio che si stanno focalizzano le indagini dei Carabinieri delle locale stazione sotto il coordinamento dei militari della Compagnia di Vasto. Al momento sull'attività di indagine vige massimo riserbo come confermato personalmente dal tenente Luca D'Ambrosio.

GUARDA IL VIDEO: