Coronavirus: "Non recarsi nei pronto soccorso degli ospedali"

"Chiamare telefonicamente al proprio medico di famiglia per una prima valutazione"

Attualità
San Salvo martedì 25 febbraio 2020
di La Redazione
Coronavirus
Coronavirus © QuotidianoPiemontese

ABRUZZO. I cittadini sono invitati a non recarsi nei pronto soccorso degli ospedali, ma a rivolgersi telefonicamente al proprio medico di famiglia che farà una prima valutazione del caso e solo eventualmente avvierà le procedure per il ricovero ospedaliero. Per evitare, infatti, il propagarsi del contagio è fondamentale che il paziente non si rechi da solo (quindi senza alcuna precauzione) nelle sale di attesa e di triage dei pronto soccorso.
Per ogni informazione è a disposizione degli utenti il numero unico nazionale 1500, ma ogni Asl per far fronte al prevedibile aumento di richieste di notizie da parte degli utenti, ha messo a disposizione (oltre ai recapiti delle guardie mediche) anche i seguenti numeri: Asl Avezzano Sulmona L’Aquila 118; Asl Lanciano Vasto Chieti 800860146; Asl Pescara 3336162872 e 118; Asl Teramo 800090147.

In fase iniziale l’infezione si presenta come una sindrome da raffreddamento. L’80% dei pazienti guarisce in due giorni, il 5% ha manifestazioni respiratorie severe.
Se da uno o due giorni hai raffreddore, tosse, febbre, potresti avere l’infezione virale.
Contatta telefonicamente il tuo medico o la guardia medica e attieniti alle loro informazioni. Ricordati che la visita non ti farà guarire e che il tuo medico o la guardia medica sono in grado di guidarti telefonicamente.
NON RECARTI IN AMBULATORIO E IN PRONTO SOCCORSO.
Potresti contagiare i medici e gli altri pazienti.
Per precauzione, in presenza di sintomi non uscire da casa ed evita contatti ravvicinati con i familiari, se hai una mascherina indossala, lava frequentemente le mani e arieggia gli ambienti.
Se sei stato a contatto con casi accertati o sospetti, contatta subito il numero verde 1500.
Il 118 chiamalo solo se hai gravi problemi respiratori.