Casalbordino, solenne la riapertura al pubblico della Villa comunale

Per l'occasione commemorati anche i caduti della prima Guerra mondiale

Attualità
San Salvo sabato 09 novembre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Casalbordino, solenne la riapertura al pubblico della Villa comunale
Casalbordino, solenne la riapertura al pubblico della Villa comunale © Enzo Dossi

CASALBORDINO. L’amministrazione comunale di Casalbordino, questa mattina, in occasione della riapertura della Villa Comunale, ha organizzato anche le celebrazioni per la ricorrenza del 4 novembre. L’evento è iniziato nel piazzale dell’Ass. Naz. Combattenti e reduci, poi in corteo per le vie cittadine per arrivare presso l’area centrale della Villa, con l’accompagnamento dalla banda musicale Città di Casalbordino.

L’evento ha visto la partecipazione del sindaco Filippo Marinucci, il vicesindaco Luigi Di Cocco, gli assessori Paola Basile e Carla Zinni, i consiglieri Valeria Bucciarelli e Massimo Ruzzi, il luogotenente Nicola Zanni, L’Ass. Naz. Combattenti e Reduci di Casalbordino, Torino di Sangro e Pollutri, le associazioni Anfi (Ass. Naz. Finanzieri Italiani ), l’Anps ( Ass. Naz. Polizia Statale ), l’ Anc ( Ass. Naz. Carabinieri ),L’Anmi ( Ass. Naz. Marinai Italiani ), una rappresentazione della scuola Ridolfi-Zimarino e della scuola G. Spataro di Casalbordino e alcuni insegnanti.

Così il sindaco Filippo Marinucci nel suo intervento: “il 4 Novembre è il giorno del ricordo, il tributo a quanti, giovani, fratelli, padri, uomini ma anche donne hanno dato la loro vita per arrestare il conflitto. A loro la nostra preghiera e la sempre immensa gratitudine. Dalla firma dell'Armistizio di Villa Giusti nel padovano, ora possiamo godere a pieno della pace tra i popoli grazie al grande sacrificio di questi concittadini. Un sentito grazie lo rivolgo a chi ogni giorno lavora con coraggio per proteggere quanti sono in emergenza o difficoltà, ai rappresentanti delle Forze dell'Ordine, dei Vigili del Fuoco sempre pronti, nelle emergenze, a dimostrare tutto il loro amore per il prossimo. A voi ragazzi dico, la pace deve nascere in ognuno di noi”.

Il presidente dei caduti e reduci Ernesto Radomile dice: “Ringrazio il sindaco e tutti i partecipanti a questo importante evento, confidando che in ogni anno a venire, venga riproposto con lo stesso impegno in questo luogo vicino alla statua del milite ignoto”.

Il vicesindaco Luigi Di Cocco con delega all’Ambiente e Verde pubblico ha affermato “dopo 15 anni, l’amministrazione comunale ha riaperto ufficialmente la villa comunale al pubblico, un altro obiettivo raggiunto. L’intervento di riqualificazione ha riguardato un’area verde collocata sulla collina nelle immediate vicinanze del centro, precedentemente abbandonata, recuperata mediante la messa a dimora e la realizzazione di opere di contenimento a basso impatto ambientale, con un’area circoscritta e attrezzata preposta per i cani”. A garantire la presentazione dell’evento, il sig. Vincenzo D’Orazio, mentre i canti che hanno accompagnato l’evento sono stati a cura di Loredana Miscia e dei suoi cantori, la prevenzione e sicurezza è stata garantita da vigili urbani, volontari della protezione civile locale, Croce rossa locale e Arci Pesca.

Enzo Dossi