Papermoon dopo 35 anni di attività chiude

Dopo il periodo dei saldi e di liquidazione, l’attività cesserà

Attualità
San Salvo giovedì 10 gennaio 2019
di Antonia Schiavarelli
Più informazioni su
Maria Cilli con i suoi ragazzi Antonio e Luca
Maria Cilli con i suoi ragazzi Antonio e Luca © Antonia Schiavarelli

SAN SALVO. Chiude Papermoon un’attività storica sansalvese, un'istituzione nel comprensorio Vastese. Dopo il periodo dei saldi e di liquidazione, l’attività cesserà.

Maria Cilli aprì il suo negozio nel 1983 in corso Garibaldi, in un piccolo locale davanti casa del dottor Mario, dopo alcuni tentativi andati male ad altri esercenti, Maria decise di voler intraprendere quella strada, e lei con caparbietà e grande intuito per il commercio ce la fece.

L’attività andò subito bene, aveva gusto ed aveva compreso il tipo di merceologia che interessava la San Salvo di allora, una giovane città in crescita con il boom economico degli anni ’80.

Nel 1985 Papermoon si trasferì in via Roma alla “curva di Piscicelli”. Ed è in quei locali che divenne uno dei punti di riferimento per le famiglie e gli adolescenti dell’epoca in cerca di gadget, pupazzi, bigiotteria, regali per le cui confezioni Maria già da allora si distingueva.

Poi il trasferimento in via Istonia, e l’apertura di nuovi locali a Vasto, Termoli, Lanciano.

Maria è stata una delle vere grandi commercianti sansalvesi, con una grande capacità di interagire con il cliente, fiuto per le tendenze, gusto e tutto ciò ci mancherà.

San Salvo perde un’altra attività importante per il tessuto economico sano della nostra città, in tempi di instabilità perdere punti saldi di riferimento e di esempio è un danno per tutti.

I suoi figli Antonio e Luca, che hanno nel 2000 deciso di continuare l’attività di famiglia, insieme alle storiche collaboratrici Stella e Daniela, seguiranno altre strade, forti dell’esperienza acquisita e della formazione di una famiglia unita e onesta. Questa mattina l'annuncio sulla pagina FB del big store di via Mauro Rostagno (leggi)

A Maria giunga l’abbraccio di tutti noi, grati per il lavoro fin qui svolto.