Treni regionali lenti, Federconsumatori «danno per la collettività»

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato accoglie la segnalazione della Federconsumatori sulle ferrovie

Attualità
San Salvo sabato 10 novembre 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Stazione Vasto-San Salvo
Stazione Vasto-San Salvo © Vastoweb

ABRUZZO. I treni regionali sono lenti e Federconsumatori ad inizio novembre ha presentato una segnalazione all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato:

"Partiamo da un dato: più i treni regionali sono lenti, più aumenta il corrispettivo che le regioni debbono pagare a Trenitalia per l'attivazione del trasporto ferroviario regionale.

Ma chi decide il tempo che un treno deve impiegare per collegare due stazioni ? Lo decidono le Ferrovie con la traccia oraria.

La traccia oraria è il tempo impiegato da un treno per raccordare due località, e non è deciso dalla formula fisica che quasi tutti noi abbiamo imparato a scuola : tempo = spazio/ velocità. E' decisa invece in modo arbitrario dalle ferrovie. E siccome più tempo impiega il treno, più noi cittadini paghiamo tramite i Contratti di Servizio stabiliti tra regioni e Trenitalia, è evidente che Trenitalia non ha alcun interesse a ridurre i tempi di percorrenza. Casomai ha interessi contrari ( anche per questo i treni ferroviari regionali italiani sono tra i più lenti d'Europa).

Contro il mistero delle tracce orario la Federconsumatori ha proposto una segnalazione all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), e agli inizi di novembre 2018, l'AGCM ha accolto la segnalazione per verificare eventuali anormalità.

La segnalazione era stata avanzata proprio partendo dalla constatazione che tra Montesilvano e Pescara i treni regionali impiegano da 4 fino a 17 minuti. Cioè, la distanza tra le due realtà è la stessa, la velocità dei treni è analoga, ma il tempo , in taluni casi , è quattro vole superiore. Mistero !

Se consideriamo che ogni minuto di treno costa alla collettività circa 10 euro, assegnare 13 minuti in più ad un treno obbliga noi tutti a dissipare 130 euro al giorno , quasi 50.000 euro ogni anno solo per quel treno!

Essendo migliaia i treni regionali in circolazione in Italia, è facile immaginare il danno per la collettività.

Speriamo che l'AGCM possa risolvere il mistero , perché dalle tracce orario dipendono :1) i costi sostenuti dalle regioni per pagare i corrispettivi a Trenitalia per l'offerta del servizio regionale; 2) la possibilità di applicare o meno le sanzioni a Trenitalia in caso di ritardo dei treni; 3) la qualità del servizio ferroviario regionale ; 4) la concreta possibilità di apertura del mercato ferroviario.

Solo la regione Abruzzo investe circa 57 milioni di euro per far circolare i treni regionali ( tra i 2 e 3 miliardi sono spesi dalle regioni in ambito nazionale), rendere trasparente la modalità con la quale viene determinata la traccia orario può significare risparmi per la collettività e miglioramento del servizio ferroviario.

Occorre infine notare che questa è la terza volta che Federconsumatori presenta un esposto all'AGCM per altri problemi, sempre in ambito ferroviario : la prima volta è stata applicata a Trenitalia una sanzione di un milione di euro (2014), mentre la seconda volta è stata applicata la sanzione massima: cinque milioni di euro ( 2017)."

Federconsumatori Abruzzo, osservatorio sulla mobilità