Il Sindaco ordina all'Arap di pulire!

Attualità
San Salvo domenica 14 ottobre 2018
di Antonia Schiavarelli
Più informazioni su
Vecchio tracciato ferroviario
Vecchio tracciato ferroviario © Antonia Schiavarelli

SAN SALVO. Il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca ha ordinato all'Arap (ex Consorzio Industriale), di pulire il vecchio tracciato ferroviario che attraversa la zona industriale di San Salvo.

Il tratto ferroviario che si snoda per diversi chilometri, circa cinque, in tutta l'area industriale, attraversando anche la Pilkington, venne costruito dalla Cassa per il Mezzogiorno, espropriando diversi ettari di terreno ai contadini sansalvesi.

E' un tracciato inutilizzato, sede di discariche abusive, rovi, sterpaglie, "per tutta la lunghezza, erano presenti, a macchia di leopardo, zone che evidenziavano dei rifiuti abbandonati, di diversa tipologia, nella maggior parte materiale di risulta da lavori edili, pneumatici di autovetture in disuso, plastica, carta ed altro" come cita l'ordinanza n.19 dell'11 ottobre 2018 con la quale il sindaco di San Salvo ha ordinato all'Arap di rimuovere tutti i rifiuti lì presenti.

Il tratto ferroviario è patrimonio pubblico lasciato in abbandono, il cui utilizzo è stato declamato dalle classi politiche che si sono succedute negli anni, per annoverarlo nei loro programmi elettorali, senza mai giungere ad alcun risultato. La Pilkington, continua a chiederne l'apertura. Ciò permetterebbe di eliminare buona parte della movimentazione su gomma, che non comporterebbe solo uno sgravio sui bilanci dell'azienda, ma anche una notevole diminuzione di CO2 nell'aria del territorio Vastese.

Nel 2003 venne stipulato dalla Regione Abruzzo una convenzione con la Ferrovia Sangritana, che si assunse la responsabilità della manutenzione. Ma dal 2011 quella convenzione sembra sia stata risolta.

L'Arap dunque è oggi pienamente responsabile di tutto il tragitto e della sua manutenzione, ed il sindaco di San Salvo, ne ordina per la salvaguardia della salute ed incolumità dei cittadini la sua pulizia, così come sono tenuti a fare tutti i cittadini di San Salvo per le loro proprietà.